×

Editoriale

La nuova collezione di Vivienne Westwood s’intitola ‘Man’ ma in passerella sfilano tanti look unisex, comodamente interscambiabili tra i generi che per Dame Viv non sono mai stati tanto liquidi come ora. Con il solito messaggio politico legato stavolta a Julian Assange e con un no secco a Brexit, Westwood propone abiti ispirati a Jimi Hendrix e a Marianne Faithfull, quindi in stile Seventies: camicioni stampati, pantaloni cangianti a ¾, canotte e maglie trasparenti, top e leggings glitterati ed anche completi con giacche oversize volutamente sciatti ma che mantengono un certo appeal e abiti in maglia slabbrata con orli asimmetrici che rendono il corpo maschile insolitamente attraente.