×

Editoriale

Una collezione che incorpora i codici stilistici della sua fondatrice quella che va in scena da Vionnet, dove sfila una serie di eterei long-dress a colonna costruiti a sbieco con corpetto incrociato o profondo scollo a V e spalline sottili e gonna plissettata, caratterizzati da intarsi, folding e drappeggi e sovrapposti da cappe o pannelli di tulle di varie lunghezze. Alle gonne si alternano a volte pantaloni fluidi, sovrapposti da pepli asimmetrici o da tuniche sottili, mentre in qualche uscita, a comparire sotto i veli, sono tutine-body con inserti trasparenti o completi maschili portati a pelle. Ai classici sandali da gladiatore, rivisitati in chiave glamour con platform in lucite, si affiancano sneakers a tema con i lacci alla caviglia.