×

Editoriale

L’ideale di bellezza dell’antica Grecia ‘distrutto’ dall’eruzione di un vulcano; ruota più o meno intorno a questo concetto la nuova collezione di Goga Ashkenazi per Vionnet, che ai fluidi pepli con fascia obi in vita delle prime uscite fa seguire outfit più complessi e decostruiti, in cui elementi bondage come corpetti-imbracatura e alte cinture di metallo duettano con camicie classiche, giacchini stampati effetto terra screpolata e abiti plissettati. L’idea di distruzione legata ad una qualche catastrofe geologica è ripresa anche dai motivi maculati bianco-nero e dagli jacquard lavici che decorano completi, cappe cropped con cappuccio e long-dress da cui spunta malandrina l’imbracatura fetish, cui si aggiungono nel finale velature con vista su culotte. Tra le calzature, cuissard stringati e ciabattine ‘da gladiatore’ con i lacci che s’incrociano fino alla coscia, spiccano gli stivali incorporati nei pantaloni skinny di pelle.