×

Editoriale

Da Versace sfilano diverse ‘tribù’ accomunate dalla passione per lo stile; ci sono i businessman con completi e coat sartoriali, che compensano la severità delle linee con tonalità accattivanti come bordeaux e prugna, ci sono gli appassionati di montagna, con cappotti di montone, trench tecnici e camicie a quadri, le stesse che poi spuntano da felpe e bomber in black & white. Quadri, in versione rossonera, anche per i soprabiti in nylon e le giacche a vento imbottite, mentre i tessuti africani ispirano i cappotti jacquard e la maglieria. La sera si decora di stampe barocche e di pelle nera ma resistono gli elementi sportivi che sono un trait d’union di tutta la collezione, fatta eccezione per i look d’apertura, impeccabilmente sartoriali.