×

Editoriale

Pier Paolo Piccioli riprende il discorso dello sportswear deluxe già sperimentato nell’ultima collezione uomo facendo sfilare una serie di look utility composti da parka, anorak, pantaloni cargo e canotte in chiave sofisticata, con dettagli in paillette e inserti luminosi. Ma il ricorso a certi capi ed effetti viene anche, in parte, dall’ispirazione space age che Piccioli ha avuto pensando alla visione della Terra dalla Luna da parte dell’equipaggio dell’Apollo; le stratificazioni plastificate, le tute utilitarian, le maxi-tasche su giacche e shorts, le iridescenze di inserti e applicazioni sono tutte ‘Nasa-oriented’. Ma poi arrivano i mini-abiti a trapezio con giochi di asimmetrie e volant, trasparenze, stampe e ricami floreali e si capisce che la femminilità lunare e romantica della ragazza Valentino ha un lato frivolo ed insieme sensuale che vira verso il glamour.