×

Editoriale

Uno dei primi grandi nomi a sfilare a Parigi è Valentino, la cui passerella è un crocevia di tendenze che toccano diverse epoche e stili ma che hanno tutti a che fare con il viaggio inteso in senso fisico ed anche spirituale, in se stessi. Da Kerouac a Burroughs, dai Beatles ai Rolling Stones, dall’esistenzialismo al folk americano, il duo Chiuri-Piccioli inanella una serie di riferimenti ben tradotti da total look neri con tanto di dolcevita, cui poi si aggiungono borchiette e cristalli, divise da impiegato con tanto di trench e cartella, look Sixties da mod fino ad arrivare al tripudio folk style con giacche, poncho e camicie con motivi Navajo, check, Old America, abbinati a jeans effetto used anche ricamati o a pantaloni neri sottili e a zaini e tracolle a tono.