×

Editoriale

Un’estate in nero per la donna Valentino? A vedere le prime 14 uscite della sfilata e qualche altra dopo, parrebbe di sì, perché i look sono un assoluto total black, anche per gli accessori. Ma poi esplode il colore e non solo il rosso Valentino ma anche l’arancio, il rosa e il multicolor, accompagnato da stampe vivide. E i capi? Pier Paolo Piccioli parla della collezione come di quei paradisi esotici, quelle colonie dove si rifugiavano gli artisti del passato, come Gauguin, e la Martinica. Posti da sogno, d’ispirazione ma anche di deriva esistenziale. Maxi-cappelli in paglia e sandali rasoterra con le piume si portano con abiti di varie lunghezze ma spesso in lungo totale, con maniche lunghe, ampie e gonfie, fittamente plissettati o in pizzo floreale, con grossa cintura in vita o fluidi a tunica, con trasparenze o scolli profondi. E se non è monocromo, sono cromie vivide su stampe ispirate a Matisse, riccioli e fiori fino alle luminose trasparenze del finale.