×

Editoriale

Il brand marchigiano disegnato da Alessandra Facchinetti accende i riflettori sull’artigianalità. Una collezione elegante perfetta per la città, coerente con lo stile di Tod’s ma che lascia spazio anche alla mano della stilista. Le cuciture e le impunture diventano motivi su giacche da aviatore e cappotti in pelle. I maglioni sono over e si portano sblusati su gonne sartoriali ma, lievemente più affusolati, diventano un abito lungo fino ai piedi. La pelle è protagonista nelle tinte del marrone, del nero e anche del viola. Tra i colori si aggiungono il bordeaux che risalta nel velluto e il blu, che oscilla tra il cobalto e l’oltremare, rende sportivi alcuni capi della collezione. Camicie lunghe in check hanno l’aria grunge, impreziosite da borchie nelle rifiniture e nel colletto, mentre i completi in camoscio riportano indietro il mood di almeno vent’anni. La pelliccia orna i colli delle giacche e i cappotti ma si sfoggia anche come capospalla.