×

Editoriale

Una delle tendenze che emergono per l’autunno/inverno 2015.16 sembra aver a che fare con la capacità di evoluzione. È da tempo chiara la necessità di una nuova cassetta degli attrezzi per la femminilità contemporanea al di là delle stereotipie. Un ottimo spunto che alimenta l’evoluzione sta nell’antica alleanza tra l’artigianalità e il guizzo dato dal designer. Alessandra Facchinetti definisce una silhouette congeniale e congrua ai tempi. E nell’alta manualità delle lavorazioni, Tod’s trova una poetica determinazione. Nei cappotti tagliati come biker jacket, nell’abito corto con traforature frontali, nella gonna a trapezio oro e cipria, nella composizione di cerchi e triangoli abita un meditato piglio scattante. Unica concessione al decorativo, i pattern fiorati dall’allure croccante e un fogliame vagamente fauvista che ricama gonne in pelle e camicie in suede.