×

Editoriale

Il fattore ‘comfort’ è qualcosa che non può prescindere dalla moda di Stella McCartney perché è parte del suo dna, come lo è la tendenza a uno stile che unisce sportswear e sensualità, quest’ultima mai troppo audace, bensì morbida e delicata. E gli abiti in passerella sono proprio così, un mix irresistibile di athleisure e femminilità, in cui spicca come materiale d’elezione la maglia, ideale per comunicare un’idea di comodità che si esprime tramite canotte, top plissé tagliati a trapezio, polo stretch con l’abbottonatura cinese o in versione allungata sovrapposta a longuette asimmetriche. Su tutto spiccano colori vitaminici, grafismi, check, cuori e cerchi cuciti con nastri plissettati su long-dress che poi diventano trasparenti. Non mancano i completi sartoriali, proposti anche smanicati, con pantaloni ampi.