×

Editoriale

Scendono le scale di un bel palazzo luminoso in Rue de l’Université, le gambe infinite velate dai collant ed issate su tacchi a stiletto, le unghie laccate di rosso sul corrimano, lo sguardo di sfida attraverso il trucco acceso. Le ragazze di Saint Laurent sembrano uscite dagli scatti anni ’80 di Helmut Newton, algide e potenti nei loro mini-dress strizzati in vita da maxi-cinture, bustier o asimmetrici, con spalle voluminose enfatizzate da giganteschi volant o da nuvole di tulle, in pelle o rivestiti di strass e cristalli o a scaglie metalliche, in fantasia o a tinta unita, accompagnati da collier tubolari di metallo. Ultra-corte anche le gonne prevalentemente a palloncino, sempre con cintura alta e top bustier, portate con bomberini e giacche da biker.