×

Editoriale

Luke Leitch su vogue.com parla della donna di Alessandro Dell’Acqua per Rochas come di un’eroina hitchcockiana intrappolata negli anni Duemila, cui non resta che infilarsi nelle creazioni della Maison francese per ritrovare un po’ delle atmosfere perdute in un tempo che fu. Dai coat e dress a motivi leopardati proposti anche in broccato metallico ai fluidi abiti in raso o seta duchesse alle mise finali decorate da piume di struzzo a tono con il colore dell’abito, si tratta di un guardaroba che avrebbe fatto davvero impazzire Edith Head, la storica costumista di Hitchcock. Il controllo di linee e proporzioni è leggermente disturbato da dettagli reiterati negli abiti come nei completi sartoriali ovvero pannelli-grembiule che sul lato sinistro del corpo spuntano dalle giacche o scendono sui fianchi delle gonne partendo dalla cintura che serra la vita. In altri look sono sottili cinture-obi o fiocchi dalle lunghe estremità pendenti a interrompere la linearità della silhouette.