×

Editoriale

Drappeggi e torsioni. L’esercizio stilistico di Rick Owens si concentra su questi due dettagli tessili che trasformano gli abiti in volute di tulle che s’inerpicano lungo il corpo avvinghiandosi ad esso. I top scultorei sono rinforzati da ‘ali’ realizzate in panno bugrane, materiale usato per rilegare i libri, che qui, proprio per il suo carattere solido, voluminizza le spalle, mentre su mantelle asimmetriche spiccano applicazioni di pelliccia. Cappe di piume di struzzo scendono come volteggiando sulle tuniche da sera, sempre drappeggiate e attorcigliate su se stesse, con spacchi che lasciano intravedere stivali di varie lunghezze, alcuni rigidi, altri che scendono morbidi sul polpaccio. Polverose le tonalità, lavanda, giallo, grigio, bianco, nero, con inaspettati color block per le casacche zippate.