×

Editoriale

La comunità degli Amish intriga a tal punto Pierpaolo Piccioli da dedicargli una collezione per Red Valentino e il fatto poi che il fondatore del movimento, Jakob Ammann, fosse un sarto è interessante perché, spiega Piccioli, “capì l’influenza dell’abito sulla vita.” L’allure ricorda molto la prima linea del marchio, una silhouette allungata enfatizzata da long dress romantici e gonne midi svasate, vengono invece a mancare i ricami sontuosi a favore di embellishment più discreti e legati alla cultura della comunità religiosa, come occhi e mani che simboleggiano carità e protezione divine. Altri abiti sono decorati di motivi floreali che si ritrovano anche su piccoli pull con colletto e polsini arricciati, mentre la tecnica della trapuntatura è richiamata da una gonna in tweed dalla struttura rigida. Non sono di certo nello stile degli Amish ma tipiche del marchio le trasparenze del finale.