×

Editoriale

Dal baule salvato dal naufragio di Brooke Shields di Laguna Blu esce la collezione Philosophy di Lorenzo Serafini. Il modello una ragazza acqua e sapone, costretta ad indossare un mix tra vecchi vestiti di epoca vittoriana e abiti di fortuna, ormai usurati, a brandelli. Il romanticismo si conserva nel candore del bianco, nelle ruche dei lunghi e vaporosi abiti, nei colletti abbottonati, nei pizzi, nel plumetis e nelle mise che sembrano rubate all’intimità della camera da letto. Fiori tropicali colorano gli abiti nei toni del rosa, lilla, giallo limone e malva mentre il nero c’è ma non domina. La naufraga inserisce nel suo guardaroba capi in denim dagli orli sfilacciati, tutine che sembrano ricavate da scampoli di suede e maglieria lavorata a mano come se fosse una rete. Tutto è pervaso da un’aria innocente che si fa sexy nelle spalle scoperte, nelle gambe che si intravedono attraverso gli abiti con l’orlo a fazzoletto, nelle scollature profonde e nei bottoncini da sbottonare.