×

Editoriale

Agili e lievi scorrono abitini con trine in abbondanza, gorgiere, orli ricamati, fiocchi vittoriani, mantelle in maglia, pieghe e trasparenze. Sono di un bianco battesimale e le connotazioni frivole sono smorzate da un tratto complessivamente leggero, ineffabile, certamente poetico ma non zuccherino. Nelle linee liquide e nelle pesantezze inconsistenti delle vesti lunghe palpita un carattere un po’ rétro fatto di volant incorporei e fantasie sussurrate. Lorenzo Serafini continua la sua indagine idilliaca con una serie di stampe dai micro elementi floreali e i palpiti eterei prendono forme da eroina western, con pantaloni a vita alta, grezzi e ruvidi, salopette fanciullesche, maglioncini con ruche, polsini svasati e cappe dai colori intensi.