×

Editoriale

Philipp Plein ricorda che il suo primo show a Milano è stato nel 2009. A dieci anni dall’evento, che il designer evoca con piacere nonostante i tempi duri di allora, Plein sceglie Palazzo Clerici che, con i suoi stucchi e affreschi, contrasta e forse enfatizza lo stile tecnico-streetwear della collezione, fatta di piumini extralong con fodera a contrasto su cui spicca il logo con il teschio, portati con completi sartoriali e tute sportive con tanto di solide sneakers ai piedi ma spruzzate di Swarovski. Sotto capospalla, blazer e felpe, la presenza della T-shirt che raffigura Tony Montana di ‘Scarface’ è una costante, solo declinata in diverse tonalità e fa parte di una capsule collection ‘see-now-buy-now’ lanciata appunto con il resto della collezione. Data la reiterazione dei look, due parole ai motivi decorativi: camouflage, animalier, teschi, effetti lucidi, glitter e naturalmente loghi à gogo, anche quelli stagionali passati perché un anniversario è sempre un anniversario.