×

Editoriale

Una collezione nostalgica quella di Neil Barrett, che guarda indietro alle sue prime creazioni e alla giovinezza trascorsa nel tranquillo e umido Devonshire; erano gli anni ’70, epoca di austerity, scioperi e del color marrone che monopolizza la passerella di Barrett, insieme al suede e alla pelle, per capospalla, soprattutto montoni, pantaloni sottili a vita alta anche in versione track pants, felpe sportive zippate con inserti a contrasto cromatico portati con sneakers o stringate scamosciate. Accattivante il contrasto del marrone accostato al rosso della maglieria a V o girocollo o l’utilizzo della grisaglia nei pezzi sportivi, mentre nel finale ritorna su maglie e capospalla la riproduzione digitale di un’aquila vista su una T-shirt bianca nelle prime uscite.