×

Editoriale

Focus sul tailoring maschile da Neil Barrett, con proporzioni rivisitate e un’iniezione sportswear che aggiunge bande colorate sui pantaloni sottili che culminano con bordi elastici a mo’ di tuta anche nei modelli più classici. L’abito formale si lascia andare a linee morbide, con blazer mono e doppiopetto dalle spalle ampie ma scese, portati sopra maglie zippate e/o t-shirt o caratterizzati da estensioni che li trasformano in soprabiti, mentre in altri casi la giacca è sostituita da corposi pull girocollo. Stesso disimpegno per i cappotti, più strutturati invece i capi in pelle, con dei rimandi al mondo biker, spesso presenti nelle collezioni del designer, come è presente quel certo gusto rétro legato alle sottoculture primi anni ’80 che trasformavano il vestire quasi in un’uniforme.