×

Editoriale

La passerella di MSGM è una pellicola a colori. È una narrazione cinematografica. È un film immaginario, dal titolo “Spezzacuori”. È dark e funny. È chic e cartoon. È pop. Massimo Giorgetti compone una collezione dai mille cuori. Cuori stampati sui minidress, su gonfie bluse, su ampie gonne. Cuori intagliati, intarsiati sugli scolli dei maglioncini. Cuori spezzati sui revers delle giacche. Stampe digitali e optical si rincorrono sulle superfici, in una danza cromatica inedita. Stampe all-over del magazine Flash Art, in occasione del cinquantesimo anniversario della rivista d’arte, si stagliano su camicie e pantaloni. Vestiti in ecopelle o tessuto sartoriale si illuminano dei riflessi di cristalli. I cappotti giocano con effetti bicromatici e asimmetrie. Vestiti goffrati, fiocchi giganti, spalle XXL, maniche a palloncino: i volumi sono anni Ottanta. La palette è energica, vitaminica, tra accenti rossi, turchesi, rosa, nero, bianco e beige. Per una visione dei sentimenti.