×

Editoriale

Allegra e colorata come sempre, la sfilata di Jeremy Scott per Moschino va in scena in quel di Los Angeles, forse la piazza giusta per il mix tra psichedelia Sixties e gusto personale del designer che ama stampe accese e colori chiassosi. I primi look sono bomber e giacche da biker portate con slip o pantaloni affusolati a vita bassa, il tutto proposto in fantasie che vanno dall’animalier all’etnico con le tipiche decorazioni indiane a specchietto. Seguono completi mono e doppiopetto su cui spiccano motivi floreali, flora e fauna ‘cartoon’, con animaletti-gioiello di vario tipo. Tra questi mix & match al neon, impossibile non notare l’unico pezzo monocromo, un abito in pizzo nero trasparente. E poi ancora bomber, felpe, giacche di pelle e shorts da mare, tutti stampati e/o colorati all’eccesso.