×

Editoriale

L’uomo che ha fatto dello sporty-chic americano il proprio cavallo di battaglia, guarda al Regno Unito attingendo alla sua tradizione sartoriale per costruire una collezione ricca di elementi menswear (tra cui le classiche stringate), cui si aggiunge un twist rétro e l’uso abbondante della pelliccia per colli e inserti. Coat check e blazer di tweed con cintura in vita e gonna affusolata anni ’40 si alternano alla maglieria comoda e avvolgente, a treccia o a costine, in versione abito o a corposo pull abbinato a fluidi pantaloni pigiama o a ¾ con piega e risvolto. Focus sulle maniche dei capospalla, tagliate in modo da trasformarli in cappe oppure decorate di pelliccia o, ancora, di fili dorati che ricoprono anche un lungo abito con maniche a ¾ e una giacca portata sotto un coat militare navy. Il finale è tutto per long dress tagliati a sbieco, tra cui spicca un tuxedo doppiopetto smanicato con cintura sottile in vita.