×

Editoriale

Quelle che sembrano foglie di piante tropicali sono in realtà citazioni di autorevoli mostri sacri dell’architettura internazionale. È un omaggio all’intellettuale Lina Bo Bardi, portavoce del movimento culturale avanguardista dell’America Latina, la collezione di Max Mara che mette insieme tessuti tecnici, linee pulite e stampe vegetali per un look sportivo ed informale declinato alla maniera del brand emiliano. I pantaloni sono aderenti come una seconda pelle indossati con bomber corti mentre le gonne a tubino arrivano sotto al ginocchio. La tuta morbida o stretta come una guaina è un must di stagione proposto con le fantasie rubate dalla foresta pluviale o con colori accesi come il blu elettrico o il rosso brillante. Sulla soffice maglieria si distingue il profilo di animali esotici raffigurati come cartoni animati. Fedeli alla tradizione non possono mancare i cappotti over ma ci sono anche le giacche in nylon più pratiche per la vita di tutti i giorni.