×

Editoriale

Fedele a se stessa, Max Mara propone una collezione che lavora sui grandi classici della sua storia. Sfila un’eleganza confortevole che cita il design minimalista svedese: in passerella solo i capi cari al brand raccontati in una manciata di colori che ne esaltano forma e materia. Gli outfit si presentano come total look cammello, cognac, caramello, grigio e rosso che, a seconda della combinazione di tessuto, si arricchiscono di sfumature diverse. Il rosso specialmente, quando incontra il velluto diventa abbagliante. Tutto è luminoso, non potrebbe essere diversamente con il cachemire, il cammello, lo yak e l’alpaca. Abiti per tutti i giorni fatti di tailleur maschili con giacche mono e doppiopetto, pantaloni morbidi indossati con maglieria a collo alto, gonne a sigaretta con spacco o a ruota sempre sotto il ginocchio e cappotti che abbracciano. Veri oggetti del desiderio la felpa e la tuta in cachemire insieme alla mantella che diventa abito.