×

Editoriale

Una presentazione suggestiva quella di Martin Grant, a partire dallo sfondo su cui posano le modelle, uno scenario teatrale ottocentesco raffigurante degli alberi. Carismatici anche i look, un mix di maschile e femminile reso ancor più accattivante dall’uso di tessuti come il velluto proposto in una sfumatura intensa di blu per coat extralong portati con cappello nero a falda larga, pantaloni maschili ampi, una tuta-smoking smanicata. Ancora velluto ma questa volta rosso per un abito sartoriale a pelle con giacca strutturata e pantalone svasato in stile Seventies, mentre i completi-pigiama sono proposti in un rosa polveroso accostato, in un look, al classico cappotto cammello. Sulle mise del finale protagonista è il ricamo che Grant ha fatto realizzare in India, un’intensa macchia cromatica che spicca sul nero degli abiti.