×

Editoriale

Marni inaugura un nuovo corso con il debutto di Francesco Risso alla direzione creativa. L’estetica che ha reso inconfondibile il marchio si fa più carica pur mantenendo le linee pulite, qui un po’ più sporcate, e le grafiche che guardano agli anni ’70. Ci sono tante idee in passerella che soddisfano più tipi di donne che qui trovano un outfit per ogni ora del giorno. Si passa da una proposta oversize, con giacche boxy abbondanti su gonne a tubino, a pantaloni a vita bassa con maglie fantasia a collo alto. Nel mezzo abiti lunghezza midi e tubini dalla silhouette molto femminile indossati o con un reggiseno in contrasto oppure in versione floreale, alcuni dei quali arricciati con la coulisse. Le pellicce compaiono arruffate nei toni pastello e in toni più accesi. I colori sono piuttosto luminosi e non si cede al nero a tutti i costi: anche per la sera si scelgono delle nuance chiare o sorbetto coperte di maxipaillette scintillanti.