×

Editoriale

Eclettica, eccentrica, insolita. La donna vestita da Markus Lupfer vive di contaminazioni, di contrasti e bizzarre sinergie. Ama unire accenti grintosi e tocchi bon ton. Le gonne sono sotto al ginocchio ma hanno spacchi audaci o sono invase da paillette, con un effetto stroboscopico. La maglieria segue le forme tradizionali, ma è ravvivata da volpi, cerbiatti, labbra scintillanti. I capi total tartan, dalle varie combinazioni cromatiche, vengono mixati a frange color inchiostro. La donna di Markus Lupfer non teme l’opulenza: i tailleur sono lucidi, sfoggiano boccioli fioriti, vengono accompagnati da pellicce ecologiche. I bottoni sono dettagli importanti che impreziosiscono i cardigan, hanno la forma di delicate corolle. Le fioriture si fanno poi ricami e si adagiano su pizzi dai colori autunnali. La collezione si tinge delle nuance di una natura boschiva, verde salvia, marrone castagna, tabacco, camoscio, ruggine e blu notturno.