×

Editoriale

Tomo Koizumi è un designer giapponese che Katie Grand, la stylist di Marc Jacobs, ha scoperto su Instagram; entusiasti, lei e Jacobs in persona hanno deciso di aiutare lo stilista ad allestire una sfilata nello store dello stesso Jacobs in Madison Avenue. E in qualche modo la collezione del designer americano risente degli influssi di Koizumi, con volumi ampi e forme a bozzolo comunque non nuovi, dato che Jacobs esplora da un po’ le iper-proporzioni, attraverso ad esempio le silhouette anni ’80 di Yves Saint Laurent. Sfilano dunque cappotti e mantelle portati agli estremi, ulteriormente gonfiati da gonne svasate e abiti ‘pompati’ da strati di crinoline. Piume, volant, ruche sono tutte decorazioni che enfatizzano i volumi, mentre i cappelli a cono e/o piumati firmati da Stephen Jones aggiungono centimetri alla statura delle modelle.