×

Editoriale

Una collezione estrema ispirata all’haute couture anni ’80; Marc Jacobs riesce ancora a dare spettacolo e lo fa omaggiando tutte le grandi firme del decennio massimalista per eccellenza, da Mugler a Ungaro a Saint Laurent. I segni distintivi dell’epoca ci sono tutti: maxi-spalle, mega-ruche, colli enormi, cinture con maxi-fiocco, vita altissima, insomma non manca nulla ma tutto è ulteriormente esasperato, volumizzato, ingigantito. Prive di sex-appeal, se non per qualche look in maglia elastica che disegna le forme, le silhouette scompaiono totalmente dentro cappottoni e soprabiti-mantella, pantaloni larghi con le pince, maglioni oversize portati sopra gonne midi e stivali, mentre i grandi cappelli a falda larga nascondono anche il volto. Tessuti spessi e pesanti e colori forti aggiungono eccesso agli eccessi.