×

Editoriale

Guarda ad Oriente la collezione di Malloni per il prossimo inverno che trae ispirazione dalla Mongolia e dai nomadi che abitano quelle praterie sconfinate degli altopiani siberiani. Il riferimento è smaccato guardando il kimono in nylon imbottito con il disegno circolare oppure i cappotti che sembrano corazze. Il minimalismo del brand cede a volumi ampi dei capi e alla ricchezza dei tessuti e degli inserti che si vedono soprattutto nei dettagli come i revers e le maniche. I cappotti sono over e in lana mohair mentre la eco-pelliccia a pelo lungo diventa uno dei capi più significativi dell’intera collezione. Ricordano ancora gli abiti dei nomadi dell’Asia i capospalla caldi ed avvolgenti che sembrano tessuti su telai a mano nei toni del grigio e del ruggine dal forte sapore sartoriale. Il nero e il bianco nelle versioni “total” sono predominanti così come il contrasto voluto tra lana e viscosa, per un binomio tra lucido e opaco.