×

Editoriale

Sulle passerelle parigine mancava da quattro anni e il suo ritorno era, quindi, atteso. Scelto da Renzo Rosso come direttore creativo della Maison Margiela, John Galliano non delude e dopo l’uomo presentato a gennaio, ecco la sua donna, teatrale e sfrontata, broncio disegnato dal rossetto rosso e occhi bistrati in tinte fluo, eccentrico incrocio tra la divina Marchesa Casati e Blanche DuBois. Il codice Margiela si fonde con quello Galliano, la sperimentazione incontra la conturbanza trasgressiva e il risultato è un’eleganza stravolta: il coat sartoriale extra-long in stile anni ’70 e l’abito da sera portati con i guanti di gomma, il gessato ridotto ad un paio di knickerbocker skinny o a una blusa ultra-scollata con mini-ricami floreali, gli orli sfilacciati di top, mini-gonne e abiti-sottoveste, i ciuffi di pelo su trasparenze e asimmetrie, le giacche strappate. ’L’effimera musa’ di John Galliano è tornata.