×

Editoriale

Kim Jones ha abituato il suo pubblico a collezioni legate ai suoi viaggi intorno al mondo ma per questo giro la sua fonte d’ispirazione è Parigi e in particolare la Maison Vuitton, sua ‘casa’ da cinque anni. Lontani quindi i paesaggi esotici, sulla passerella va in scena il fascino della Parigi di ieri e di oggi, con i primi look dedicati allo stile aristocratico del Baron de Redé, playboy, collezionista d’arte e decoratore stabilitosi a Parigi dopo la Seconda Guerra Mondiale. Eleganti trench e completi sartoriali lunghi e sottili, in seta e cachemire o in shearling intarsiato Art Déco si alternano ad uno stile utilitarian che per Jones rappresenta il nuovo: blouson e soprabiti pieni di tasche, anche in tessuto tecnico, caratterizzati da stampe rétro che riprendono quelle applicate sulle valigie, per creare un trait d’union tra abiti e accessori.