×

Editoriale

Kinky sublimato. C’è sempre un sottotesto lontanamente bondage nello stile John Richmond. Come se l’universo queer e il red carpet si fondessero in un unico corpo. Eco di orientalismi, intarsi di visone e ricami vertiginosi si inseguono sincopati. Nelle composizioni floreali vagamente cinesi, nelle maniche kimono, nelle texture leopardate si percepisce la collisione di diversi mondi. Nei bustier-obi in pelle dalla fantasia déco, nei collari borchiati e nei lacci continuano i picchi fetish e anche i look più classici trattengono eccentricità, come il trench con balza rigida, le fiamme di pelliccia rossa, lo zebrato distorto e i pantaloni di pelle ricamati ed intarsiati. La pelle nera è spesso martellata per un effetto rugoso e le gonne sono strette e sopra al ginocchio. Concludono la collezione i look vertiginosi della notte, con gonne lunghe e trasparenti portate con giacchine ornate con fiori e dragoni.