×

Editoriale

“Penso che sia semplicemente il modo in cui si vestono le ragazze oggi”. Nessuna particolare ispirazione quindi per Jill Stuart ma solo un dato di fatto: alle ventenni piacciono i look che le fanno sentire delle party girl, muse vibranti e magnetiche con top ridottissimi ma pantaloni scampanati a vita alta, abiti sottoveste e bretelline spaghetto che danno spazio alle spalle. Più romantici ma comunque degni di una wish list post-adolescenziale, i long dress floreali con allacciatura al collo e le bluse arricciate che invece il collo lo nascondono e che sono ancora un must have stagionale. Un mix di ‘Old America’ e Studio 54 sapientemente trapiantato nella New York di oggi, con le sue mille luci che duettano con i bagliori satinati delle mise di queste Lolite danzanti.