×

Editoriale

Simon Porte Jacquemus ama ricreare in passerella scene evocative, spesso legate alla sua infanzia bucolica, cosa che fa anche in quest’ultima collezione, ambientata nella colorata piazza di una cittadina nel sud della Francia. Ma non bisogna aspettarsi look troppo campestri, anzi, c’è molto sartoriale con dettagli ispirati all’abbigliamento da lavoro, come nella recente collezione maschile. Ci sono coat e tailleur pantalone oversize con multi-tasche, camicie maschili large, portate anche come abito, in accattivanti tonalità di fucsia, arancio, verde e azzurro dal sapore mediterraneo. Fluidi ma sensuali gli abiti, lunghi a grembiule, magari sovrapposti ai pantaloni ampi oppure con spacchi profondi che fanno intravedere gli alti stivali con la suola a zoccolo, mentre le gonne sono midi, anch’esse caratterizzate da tasche e bottoni in stile workwear. Dal mini al maxi le borse, solo maxi invece gli orecchini, modellati sulla passione dello stilista per i suoi mobili di design deluxe.