×

Editoriale

Dalle fitte foreste pluviali alla tundra desolata agli altopiani più estremi, J.Lindeberg porta la sua donna in alcuni dei luoghi più remoti della Terra. Scontato che i capospalla siano avvolgenti e corposi per proteggersi dalle condizioni atmosferiche estreme, quindi shearling oversize rovesciati e cappotti in mohair ma anche giacche da biker trapuntate portati su maglieria stratificata e gonne corte in pelle o su long dress trasparenti. Il monocromo, prevalentemente nero e tonalità terrose, si alterna a fantasie etniche in cui subentrano colori intensi come verde e rosso che esplode, quest’ultimo, in abbinamento con il nero, nei tre look finali. Completano il tutto, guanti lunghi portati anche rimborsati, stivali, sandali e cinture borchiati.