×

Editoriale

Per la seconda stagione Haider Ackermann porta in passerella una collezione co-ed in cui i look femminili sono speculari a quelli maschili ma, precisa il designer, non si tratta di unisex, piuttosto dell’utilizzo degli stessi materiali per donna e uomo, che danno agli abiti un senso di fluida interscambiabilità. L’attenzione si concentra sul sartoriale, un sartoriale rigoroso ma stemperato da grafismi, stampe di farfalle e color block in rosso, bianco e nero che decorano coat extralong e giacche con profili a contrasto. I pantaloni sono boyfriend, a vita alta oppure skinny con bande laterali, abbinati a semplici T-shirt bianche o a bluse con maniche ampie anch’esse a contrasto. Le fantasie contaminano pure gli accessori, guanti lunghi, stivaletti a punta e foulard annodati in vita a mo’ di cintura.