×

Editoriale

Non è un caso che anche la nuova collezione di Alessandro Michele per Gucci punti su di uno stile unisex, fuori dagli schemi, in cui opposti e dicotomie si dissolvono facendo convivere sovrapposizioni, sfumature, contraddizioni. ‘Il giardino dell’alchimista – un laboratorio anti-moderno’ è il tema che ben rappresenta il suddetto concetto tradotto in un tripudio di decorazioni, tra stampe botaniche d’epoca o floreali ispirate ai giardini inglesi di campagna, applicazioni e ricami preziosi alternati a motivi faunistici di pipistrelli, coleotteri e altri animali. Il tutto su blazer striminziti coordinati a pantaloni che vanno dal cropped al lungo scampanato oppure portati con knickerbocker e calzettoni che richiamano la moda settecentesca, bluse con colletto arricciato, coat con maxi-revers, tute aderenti da acrobata, felpe sportive, T-shirt da concerto rock e chi più ne ha più ne metta.