×

Editoriale

Chez Givenchy Riccardo Tisci rende appetibile alle nuove generazioni il completo sartoriale proponendolo in tonalità blu notte con bottoni oversize a contrasto, che diventano gioiello nel finale, gonnella sovrapposta al pantalone sottile e t-shirt bianca. Ma il richiamo streetwear è forte e lasciata la formalità del blazer, Tisci si diverte con cromie accese, grafismi, righe, quadri e stampe cartoon su maglie, pull, camicie extralong in un gioco di sovrapposizioni in cui il bordo di uno si confonde con il bordo dell’altro a cui si aggiungono, a volte, felpe i cui cappucci hanno bande di seta al posto delle coulisse. Il capospalla, quando c’è, è un’interpretazione urbana del montgomery o la giacca di pelle dura e pura o, ancora, il coat imbottito e zippato, ad ogni modo poco rigore e tanta voglia di sperimentare divertendosi.