×

Editoriale

Osare sì ma sempre con stile; la lezione di Giorgio Armani è quella di un guardaroba maschile che si permette solo piccoli sconfinamenti nell’insolito per non risultare eccessivo, se non ridicolo. Ecco allora le giacche che diventano ancora più destrutturate e leggere prendendo quasi l’aspetto di cardigan, i pantaloni che si fanno più ampi, con il cavallo che scende leggermente e che si arricchiscono in certi look di fantasie in stile caraibico come quelle delle case cubane. Le tonalità restano neutre, quasi sbiadite, fatta eccezione per punte di rosso acceso, proposto anche ton sur ton. Il volto dello stilista compare su una t-shirt, una discreta ma dovuta autocelebrazione di un designer adorato come un guru.