×

Editoriale

Armani dice che questa collezione segue un “fil noir” e non un “fil rouge” come nella precedente collezione e per raccontare il suo stile inconfondibile usa il velluto, il protagonista della passerella. Piegato alle esigenze del designer, questo tessuto veste la donna reale dalla mattina alla sera. I capisaldi di re Giorgio hanno le forme più varie: la giacca è corta, a scatola, con la baschina, con il taglio maschile e con il collo sciallato mentre i pantaloni sono morbidi, a sigaretta, stretti alla caviglia come una tuta o un modello pigiama in grigio, in principe di Galles e in tweed. Come capospalla sceglie mantelle con le frange, stole di lana da indossare come cappe o sopra la giacca e cappotti di velluto che prendono il posto delle pellicce. Per la sera abiti di seta, chiffon e pizzo coperti di cristalli e jais. Il colore dominante è il nero ma anche quando la fantasia è floreale su abito bianco il velluto rende tutto perfetto per andare alla Scala.