×

Editoriale

Tutta la purezza di un rosso. Più che passione è cuore e sangue questo colore portato su abiti innocenti, ricchi di lavorazioni artigianali. La donna di Fendi è pudica, scopre le gambe ma è accollatissima. Anzi, là dove qualcuno preferisce indugiare nella scollatura qui la mano di Karl Lagerfeld e di Silvia Venturini Fendi si diverte a riempire quel vuoto con un colletto lezioso da cui partono delle maniche ampie, a sbuffo, eleganti. Il bianco è impreziosito da decori che ne turbano la semplicità e tra i colori appaiono, accanto alle gradazioni del rosso, alcuni toni del blu declinati anche in fantasia, il marrone, il nero e il verde oliva, in questi ultimi due casi esaltati dai capi in pelle. E siccome si dice che non esistono più le mezze stagioni, compaiono in passerella per l’estate anche cappotti di pitone, pellicce e astrakan, specialità di casa Fendi.