×

Editoriale

È un uomo decorato all’eccesso quello di Fausto Puglisi che sceglie di debuttare con la sua collezione maschile in una stazione ferroviaria scarna e in disuso, forse per mettere maggiormente in risalto le superfici decorate dei suoi machi latini, tutti muscoli, borchie e tattoo. Un po’ boxeur e un po’ moderni centurioni, portano camicie fluide aperte sul torace tatuato, t-shirt stampate con immagini dell’antica Roma, bomber e giacche da biker con applicazioni metalliche a medaglione e bermuda da pugile con stampe floreali. Il tutto abbinato a sandali da gladiatore di varie lunghezze con dettagli metallici, collane e collanine, guanti senza dita ed enfatizzato da colori accesi come rosso, arancio, blu e giallo.