×

Editoriale

DONNA

Dean e Dan Caten esaltano lo spirito rock del marchio trasformando la passerella in un concerto, il défilé in un’esperienza sensoriale. I colori sono elettrici, le stampe evocano i Metallica e gli AC/DC. Il logo Dsquared2 compie una metamorfosi, cambia font e carattere, si sposa al lettering delle band heavy metal. La collezione pulsa di pattern tie-and-dye, di iniezioni al neon, di frange lucenti e variopinte. Ha il ritmo del tartan sgargiante, di fantasie psichedeliche, di catene e borchie metalliche. Minidress e parka oversize sono cosparsi di lustrini. Le microgonne e le giacche vibrano di riflessi metallici, spalmati di colori opalescenti, pitonati, attraversati da zip. I cappotti in shearling sono adatti per musica ad alta quota, morbidi, avvolgenti, extralarge, con dettagli olografici. I piumini e gilet imbottiti sfoggiano grafiche arcobaleno, dall’accento urbano e street. In vita, cinture borchiate. Per un inverno all’insegna del colore arancione, turchese, rosa, blu.

UOMO

Gli sport invernali ma quelli estremi, il grunge à la Nirvana e la psichedelia sono i disparati ingredienti che infarciscono la nuova collezione dei fratelli Caten di Dsquared2 e dalla prima uscita è chiaro che si tratta davvero di un mix spinto all’eccesso: camicia western in rosa neon e giallo fuoco con perline al posto delle frange, jeans tie-dye in arancio, cintura con catene e crocifisso. Il resto dei look procede in questa direzione, con canotte in fantasie psichedeliche logate in stile heavy metal, giacche di pelle e parka iridescenti, giacche-camicie foderate di shearling indossate sotto o sopra maxi-cardigan a coste e pantaloni che fanno il verso a quelli da sci, lucidi, con bretelle portate scese e gamba svasata regolata da fascette di velcro e/o cerniere per far entrare gli scarponi. C’è anche qualche giacca classica ma è l’eccezione che conferma la (s)regolatezza del mood.