×

Editoriale

Almeno 20 anni di moda firmata Dries Van Noten vanno in scena sulla passerella dello stilista belga, a cominciare dalle modelle, una schiera di top storiche che dimostrano, ça va sans dire, che la bellezza non ha età e di conseguenza nemmeno il vero stile. Senza ispirarsi a temi particolari, Van Noten presenta una sorta di retrospettiva del proprio lavoro, riproponendo le sue stampe iconiche che vanno dai motivi tappezzeria a quelli giapponesi, dal Paisley all’ikat ai triangoli Sixties, il tutto in un mix di colori basici e accesi come l’arancio e il verde. Iconico anche lo stile che alterna e/o associa maschile e femminile ovvero blazer oversize dalle maxi-spalle con dolcevita e longuette o con fluidi abiti fantasia, coat strutturati e soprabiti con maniche di pelliccia, jeans baggy e pantaloni ampi a vita alta con top stampati, cui si aggiungono nel finale iridescenze, bagliori metallici e velluto luminoso.