×

Editoriale

Pur con le gambe infilate dentro sandali dalle zeppe stratosferiche, la donna di Dorothee Schumacher rimane con i piedi per terra; il suo approccio alla vita è pragmatico, da affrontare in pieno comfort, ma è anche una ricerca delle cose belle e naturali, di quei ritmi lenti che contrastano con l’era digitale e le varie tecnologie. La scelta dei motivi floreali, che decorano top, bluse, shorts e gonne, è in questo senso significativa; si tratta di fantasie delicate, molto femminili che danno ad un abito fluido dalle spalline scese un’aria romantica, ingentilendo anche una camicia maschile. L’idea di naturalezza è data anche dalle linee pulite, come quelle delle giacche che cadono dritte e da certi orli sfilacciati, così come dalle applicazioni in plastica, sempre a tema ‘natura’.