×

Editoriale

Riferimenti ‘haute couture’ per Dorothee Schumacher che guarda a Zandra Rhodes e Yves Saint Laurent primi ’70 per i suoi long dress e le gonne a motivi floreali portati con stivali di varie lunghezze. Un’altra decorazione ricorrente sono tante piccole gru stampate, uccelli simbolicamente molto utilizzati dagli hippie e dalla corrente glam-rock ma che Schumacher sceglie anche per l’idea di protezione (vegliano sulle case dai loro nidi) e insieme di movimento. Nella collezione emerge un conflitto legato al percorso professionale della designer, formazione tedesca ed esperienza losangelina, quindi gonne e pantaloni ampi con bretelle abbinati a bluse femminili, bande sportive che duettano con stampe floreali, corposi pull e coat in lana con romantici abiti fluidi.