×

Editoriale

“E vissero felici e contenti” per Domenico Dolce e Stefano Gabbana è solo l’inizio di una favola che hanno deciso di raccontare in attesa del prossimo inverno. In passerella sono scese le principesse moderne che si rifiutano di stare su di una torre ad aspettare il principe dei loro sogni ma che scelgono di indossare abiti scintillanti, esagerati e divertenti. Ogni capo cita una storia: c’è la carrozza di Cenerentola ricamata sull’abito di lana oppure i nani da giardino, la stampa con la mela di Biancaneve come fantasia e sul vestito in tweed ci sono le tre sorellastre e poi topolini, candelabri, teiere e gatti protagonisti del lusso immaginato dai due stilisti. A rendere ancora tutto più favoloso, fiori di ogni foggia, disegnati, ricamati, tridimensionali che diventano soprabiti, così come pagliuzze di lurex, bottoni dorati e fibbie di strass. E per finire una vera e propria pioggia di paillette argento e rosa per eroine contemporanee che il loro sogno se lo costruiscono da sole.