×

Editoriale

Andreas Melbostad parte dalla serie di fotografie tratte dal libro di Irving Penn ‘Small Trades’, scattate ai lavoratori di Parigi, Londra e New York tra il 1950 e il 1951, per il suo workwear integrato in un’ottica urbana e contemporanea. Lo stesso denim di una volta, modesto ma robusto, viene reinterpretato su di una silhouette affilata e proposto ad esempio in pantaloni già di culto, con la gamba super-arricciata causa un’overdose di tessuto e tasche sparse ovunque, mentre le bluse e le giacche abbinate ricordano quelle degli chef o dei postini, con la chiusura laterale o a kimono. Ci sono anche pantaloni oversize in nylon, grembiuli e tute che richiamano varie divise da lavoro, il tutto espresso in tonalità di nero, indaco, grigio, bianco, con un inedito rosa polvere che dà un tocco di romanticismo d’antan.