×

Editoriale

Stivaloni al ginocchio ed oltre o gambe nude issate su bootie a stiletto, la dea di Diane von Furstenberg è una disco music addicted ospite della sfilata-party organizzata dalla stessa stilista nella sua casa atelier. Dedicata al ‘Love Power’, la nuova collezione è fieramente body-conscious, con spacchi e scollature malandrine, orli cortissimi e ricche stampe enfatizzate da colori vivaci. Ci sono gli iconici wrap-dress, anche in versione paillettata oro, gli abiti sottoveste con spalline spaghetto, i long dress in chiffon ma anche gonne-pantalone, tutine micro e macro, pantaloni palazzo e gilet sovrapposti a bluse sottilissime con fiocco, soprabiti in pelle con collo di pelliccia. E poi cappelli, stole, foulard in fantasia, il tutto con più di una strizzatina d’occhio agli anni ’70.